Telefono 371 323 4010

Aspis Edizioni L’impresa fiumana Durante secoli le nostre generazioni avevano difesa la nostra italianità come un patrimonio naturale.. Product #: ISBN 978-88-32289-015 Regular price: 25.00€ 25.00€ Disponibile

L’impresa fiumana

Codice del prodotto: ISBN 978-88-32289-015
Disponibilità: Disponibile
Peso: 480.00gr

Prezzo: 25.00€

- +

Durante secoli le nostre generazioni avevano difesa la nostra italianità come un patrimonio naturale; durante secoli Fiume lo aveva custodito e protetto contro ogni vicenda e ogni pretesa straniera ed ora, dinanzi ad una Italia vittoriosa e dopo tanto sacrificio di sangue, dovevamo veder tradito e solo per noi un diritto per tutti proclamato e riconosciuto?
Può esser mai dimenticato questo?
E quale uomo che abbia virilità, dignità e cuore può rimanere ancor oggi insensibile dinanzi ai motivi sacrosanti che spinsero Fiume alla lotta per la sua salvezza, che fece di Fiume, come disse d’Annunzio: “la città del disperato amore”, la città che subì ogni sacrificio e fu poi ignobilmente sacrificata allo straniero invasore?

Irredentista ed esule in Italia, Giovanni Host-Ivessich(1892-1980) nel maggio del 1915 è a Quarto, in compagnia di Gabriele d’Annunzio quando, in occasione dell’inaugurazione del monumento a Garibaldi, pronuncia il celebre discorso in favore della guerra. Per la cronaca, Venturi è il cognome di un suo amico, che glielo presta durante la Grande Guerra: Giovanni lo usa per non essere riconosciuto in caso di arresto da parte degli austriaci, mentre combatte, volontario, nelle file dell’esercito italiano. Quattro anni dopo entra a far parte del gruppo degli strettissimi collaboratori di d’Annunzio a Fiume. È, in particolare, il creatore di quella compagine strana che fu la Legione Fiumana, nell’aprile precedente la “Santa Entrata”. Fu proprio dalla Legione che partì il messaggio che invitava d’Annunzio a diventare Comandante della “Città di Vita”. Rimasto a Fiume sino al Natale di Sangue che stroncò la “festa sacra della rivoluzione”, Host-Venturi mantenne un’intransigente fedeltà alla città, in seguito ricoprendo la carica di segretario provinciale della federazione fascista di Fiume dal 15 novembre 1925 al 24 maggio 1928 e di commissario straordinario di Pola dall’1 aprile al 24 maggio 1926.Sottosegretario alla marina mercantile nel 1934, dal 1939 al 1943 fu ministro delle comunicazioni del P.N.F.

 

pagamenti accettati

                      aspislogoweb

Via Crema, 15 - 20135 Milano
Partita IVA 10610070962

Email: info@aspisedizioni.it

Entra nel tuo account